giovedì 3 aprile 2008

Ora legale, my ass

Basta quell'ora a farti sentire uno straccio.
La mattina la sveglia suona sempre troppo presto. La sera il sole non cala mai, mai. Si passa il giorno a sbadigliare, come tanti zombie. Hai fame nelle ore più strane. E come se non bastasse, due giorni di vento intenso che rendono tutti nervosi e tesi come corde di violino.
Se non fosse per le motivazioni ecologiche che ci sono dietro (le luci spente più a lungo, l'energia risparmiata, ecc.), avrei già mandato l'ora legale a quel Paese.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails