mercoledì 16 aprile 2008

Quelle serate così

In cui devi andare a un corso di acquagym con un'amica e siete entrambe bloccate nel traffico.
In cui vi incontrate, è tardi, vi guardate in faccia e dite "Vabbeh, rimandiamo a martedì e facciamo due passi".
In cui passeggi per Belfiore e Marghera e guardi le vetrine e parli di scarpe e vestiti e massaggi e diete e ricevimenti e coprispalla.
In cui parli, parli, parli senza smettere, senza neanche renderti conto del tempo che passa.
In cui in Marghera lanci un occhio e... ma non è mica Renato Zero quello dentro il negozio di elettronica?
In cui davanti alla Mondadori c'è una promoter che distribuisce mini-lattine di CocaCola Light.
In cui si mangia un sushi e un nabeyaki udon, ricordando i vecchi tempi.
In cui l'amica ti guarda negli occhi e nota, senza dire niente, l'amarezza e l'incertezza che ti nascondi dentro.
In cui si parla, sparla, ride, straparla, ride ancora fino a che gli addominali fanno male.
In cui si passeggia nell'aria freddina ma un po' meno del solito.
In cui è mercoledì, ma sembra sabato.
Insomma, ce ne vogliono di quelle serate così.

2 commenti:

orsella ha detto...

quasi quasi ci vengo anch'io a quell'acquagym lì

ALittaM ha detto...

Ma volentieri! :) Fammi un fischio che una sera ti porto come ospite. E dopo sushi?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails