lunedì 29 dicembre 2008

Comunicazione di servizio

Cari amici, parenti e conoscenti vari,

lo so che questo è il primo Natale in cui io e Ste abbiamo preso casa insieme,
lo so che i doni per la casa sono tanto carini, facili da trovare in giro e personali ma non troppo,
lo so che siamo giovani e rampanti e magari non abbiamo tutte le cose che servono per la casa,
però

al quarto pacco di asciugamani coordinati (compreso quello piccolo per il bidet, e porcavacca che me lo regali a fare, che sono sei mesi che mi lamento che in Svizzera non ci sono i bidet?!)
al terzo pacco di strofinacci colorati-indie-etnici-tanto-carucci
al quarto set di tovagliette coordinate per la colazione
senza contare le tazze, i grembiuli, le presine, le ciotoline, le tovaglie...

ecco, non so come dirvelo senza sembrare scortese:
BASTAAAAA!


PS: Menzione d'onore all'amico-e-testimone M. (e fidanzata), che ci ha regalato uno spettacolare schiaccianoci con ciotola raccogli-gusci, e all'altro testimone, il cugino-giramondo G. (e fidanzata), che mi ha portato un ombrello da geisha dal Giappone. Bravi ragazzi. Non per niente mi farete da testimoni!

venerdì 26 dicembre 2008

Un piano semplice

26 Dicembre ore 9.30.
La Madre è appena partita sul taxi diretto verso la stazione, dove prenderà il treno diretto a Nizza.
Ste è dai parenti nel Veneto e torna stasera sul tardi.
Io sono sola soletta e ho, nell'ordine:
  • Scorte di the, biscotti e panettone da durarmi per mesi
  • La tuta, le calzettone natalizie, il golf di cachemire extralarge in cui stare comodi e caldi
  • Un divano morbido e gigantesco
  • Un plaid
  • Una serie di libri stupendi ricevuti a Natale da sfogliare e spulciare
  • Un frigo pieno di avanzi
  • Una TV con Sky e tutti quei programmini che mi sono tanto mancati negli scorsi 6 mesi
Avete già capito cosa mi attende, vero?
Un'intera giornata di questo:

Bliss

(la foto, tra l'altro, è stata scattata il giorno di S. Stefano di tre anni fa. Certe abitudini non cambiano!)

giovedì 25 dicembre 2008

martedì 23 dicembre 2008

Maledette intuizioni

Stefano ha già indovinato tre dei regali che gli faccio. Mannaggia.

Un tempo non ci sarebbe mai arrivato, avrebbe fatto domande generiche senza capirci un'acca. Adesso invece è pazzesco.
Ste: "Sai, mi piacerebbe tanto ricevere xxx a Natale, chissà se mi arriva."
ALittaM: "..." (occhiataccia)
S: "Ho indovinato uno dei regali?"
A: (ringhio) "...non ci parlo più con te!"
S: "Amore, ma allora mi regali xxx? Che bello!"
Forse è la vicinanza che lo ha reso troppo scaltro. Devo imparare a bluffare meglio...

lunedì 22 dicembre 2008

mercoledì 17 dicembre 2008

Ed ecco la casa

Amica O.: Allora, quand'è che mi fate vedere le foto di casa vostra?
ALittaM: Eh, vorrei fare delle foto ma sto aspettando un momento in cui è in ordine.
O.: Guarda, te lo dico per esperienza, quel momento non arriverà mai.
Come sempre, O. ha ragione. E quindi eccole qui, le foto di casa nostra, scattate in un giorno qualsiasi.

Bedroom

La camera da letto, con le lenzuola colorate Ikea, i due umidificatori gemelli e gli sticker-decorazioni sul muro.

Goodnight

Il lettone. Noterete che i comodini, e le lampade, sono diversi. È stato fatto apposta, per dare un po' di originalità.

L'albero La mia cucina ha una parete verde

Il salotto che comunica con la cucina che comunica con il salotto. La cucina ha una parete tutta verde, che ci piace molto (dono degli ex-inquilini). Le placche vintage provengono da Covent Garden.

Il corridoio

L'ingresso e la libreria. 3 Billy, e c'è spazio per ancora altre due. Al suo interno albergano dvd, cd, libri di narrativa, libri di cucina, libri di fumetti, dizionari per 6 lingue diverse e anche i 3 Re Magi, in viaggio verso il Presepe.

Lo studio

Lo studio, o la Sala dei Giochi, come la chiamo io. C'è una parete color zafferano (anche quella regalo degli ex-inquilini), due armadi, una scrivania, una lampada, una cassettiera rossa e una sedia ergonomica. (la nonna la chiama "la stanza del bambino", ma non ditelo a Ste)

Spero di aver soddisfatto le vostre curiosità, per il momento. Ora faccio la valigia e me ne vo, che stasera abbiamo un volo per Londra da prendere.

domenica 14 dicembre 2008

Come ti svaligio Peck

Cosa fare quando ci si accorge di avere 64, dico 64 buoni pasto che scadono a Dicembre 2008?

C'è solo una cosa sensata da fare: si va nella gastronomia più "in" di Milano e si compra tutto il comprabile, da veri nababbi.

E così Domenica mattina ALittaM e la Madre si sono presentate da Peck con la mazzetta di buoni pasto e hanno iniziato a prendere vasetti, conserve, sughi, lenticchie, panettoni, the, biscotti, oli, e accumularli uno accanto all'altro di fronte ai commessi. Incredibile la reazione dei commessi: ai primi barattoli ostentavano sufficienza, man mano che la pila aumentava la sufficienza diventava apprezzamento, ammirazione, stupore, deferenza, adorazione.

Totale: 333 Euri di bottino golosissimo.

Tre sacchetti grossi così.

Ho conserve per un paio di anni.

sabato 13 dicembre 2008

Una settimanina di quelle così

È bello riguardare alla settimana appena finita, dalla comodità del pigiama del sabato mattina, e rimirare con stupore le imprese che si è riusciti a compiere in 5 piccoli giorni.

Lunedì: sveglia alle 5.45, 4 ore di treno per Basilea con attraversamento delle magnifiche montagne innevate, 2 riunioni di lavoro, passeggiata-corsa nel centro della città con sbirciatina-ina al mercato di Natale, 4 ore di treno e rieccoci a Lugano.
Mercoledì: neve, neve e ancora neve. ALittaM affronta l'autostrada con la Smart e senza gomme da neve: sbanda, ondeggia, esce alla prima uscita in preda al panico e sullo svincolo di Melide fa un testa-coda e si impianta a bordo strada in un cumulo di neve. Terrore. Ci vorrà l'intervento di un cortese automobilista a rimetterla in strada, e l'arrivo della cavalleria a portarla, sana e salva e sconvolta, al lavoro.
Giovedì: giro-lampo al FoxTown a comprare alcuni regali di Natale.
Venerdì: giro-lampo in centro a Lugano per comprare altri regali di Natale, sotto la pioggia scrosciante (ma meglio della neve, cazzarola!). E poi fiera del gusto, fino alle 22. Alle 22.30, mentre chiude lo stand, ALittaM riceve un regalo inaspettato dal vicino: due bottiglie di prosecco. Il weekend diventa a un tratto molto interessante!

Oggi: ancora regali, poi si torna a Milano per cenare con gli amici.

sabato 6 dicembre 2008

E poi dicono la crisi

Trenta minuti oggi da Tiffany per comprare il braccialetto con il cuore.

A quanto pare, tutta Milano (e parte del Giappone) regalerà il braccialetto col cuore di Tiffany a Natale.

venerdì 5 dicembre 2008

Svizzera, qui siamo in Svizzera (2)

Dimenticare il portafogli sul sedile della macchina...
Dimenticare la macchina aperta...
Non rendersene conto...
Tornare dopo 8 ore di lavoro e ritrovare entrambi!

(ALittaM bacia il suolo elvetico ed erige un monumento al popolo svizzero e alla sua correttezza)

Su Facebook

ALittaM: Ciao S., ti ricordi di me? Eravamo amiche alle elementari! Quanto tempo, che bello ritrovarti!

S.: Ciao, certo che mi ricordo di te e ti saluto volentieri. Però non ti aggiungo perché preferisco inserire tra i contatti solo le persone con cui sono realmente in contatto anche nella vita!

ALittaM: (...)
Ho capito che saranno quindici anni che non ci vediamo, ma non sapevo di essere stata degradata ad "amica immaginaria".

giovedì 4 dicembre 2008

Piccoli sinistroidi crescono

Sai, io sono sempre stato un sinistroide, di quelli col parka, la kefia e tutti i crismi; però negli ultimi tempi sto iniziando a pensare questa cosa, ecco, che la gente, la diversità, i vari popoli della Terra, sono tutti bellissimi... quando se ne stanno a casa loro.
(cit.)

martedì 2 dicembre 2008

lunedì 1 dicembre 2008

Neve sì, neve no

Previste nevicate abbondanti anche a bassa quota
Dice il bollettino meteo.

A Milano: Noooooo che palle!
(perché il milanese la neve la vuole solo a Curma, a St. Moritz o a Cortina e preferibilmente dal 24 Dicembre al 6 Gennaio, e in fondo ha ragione: a Milano la neve non serve, dà solo fastidio, diventa grigia nell'arco di mezza giornata, rallenta i mezzi pubblici, fa scivolare i vecchietti, fa tamponare le auto e non c'è mai tempo nè modo di godersela)

In Ticino: Ma vaaaaaii che bello!
(perché il ticinese la neve la ama, la adora, sempre e comunque, e in fondo ha ragione: in Ticino la neve è magica, perfetta e meravigliosa, e il ticinese a metà Ottobre si attrezza con le mitiche gomme da neve - che il milanese non sa neanche cosa siano - e non appena inizia a fioccare via! affronta le strade come un bambino con la slitta, con gioia ed esaltazione, e mentre va rimira felice le montagne innevate pensando alla prossima passeggiata o sciata. D'altra parte, siamo in Svizzera gente!)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails