mercoledì 28 gennaio 2009

Mio bisnonno e Harry Belafonte

Mio bisnonno era armeno.
Non so molto di lui, solo alcune cose che mi hanno raccontato gli zii e mio padre.
Di cognome faceva Babayan.
Era scappato dalla Turchia durante le persecuzioni ed era andato a vivere in Eritrea.
Lì aveva fondato una fiorente piantagione di cotone, ed era rimasto.
Una piantagione di cotone, in Africa. A volte se ci penso me lo immagino come in un film in costume, la villa col portico e il giardino e i servi neri in livrea, mia nonna e le sue sorelle vestite di bianco, negli anni Venti.
A quanto pare, mio bisnonno doveva essere molto paziente, perché sua moglie era un po' isterica e anche le figliole erano abbastanza bisbetiche.
Quando guardo le sue foto vedo un uomo dal naso e le orecchie molto grandi, le sopracciglia folte e brizzolate e lo sguardo severo.
A mio bisnonno piaceva Harry Belafonte.
Questa informazione è la mia preferita.
Perché ogni volta che metto Jump in the Line o Banana Boat Song me lo immagino che ascolta le stesse canzoni, 50 anni fa o giù di lì, e annuisce soddisfatto.
Doveva essere una persona molto interessante, mio bisnonno.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails