lunedì 29 giugno 2009

Il mio primo CD

Un giorno uggioso dell'inverno del 1992, la piccola ALittaM è entrata insieme alla madre in un negozio di musica.
Fino a quel giorno, la collezione musicale di ALittaM consisteva in audiocassette, per lo più dei cartoni animati, con qualche occasionale cassetta di compilation "ereditata" dai genitori. Quel giorno, però, ALittaM aveva deciso che era arrivato il momento di diventare tecnologici: voleva acquistare un CD. Il papà di ALittaM aveva un bell'impianto stereo in salotto, e non era giusto che la collezione di musica della famiglia fosse esclusivamente composta dai cd di musica classica, di Zucchero e di Gianna Nannini del padre. Nossignore.
ALittaM entrava quel giorno nel mondo della musica moderna, smetteva di essere, musicalmente, una bambina, e iniziava il suo lungo rapporto d'amore con i CD. Quel giorno era l'inizio di una piccola ossessione che sarebbe durata nel tempo, l'ossessione-feticismo per il CD, che anche oggi prosegue, accompagnata dalle nuove ossessioni-feticismi dell'età adulta, ovvero i libri e i DVD.
Quel giorno, ALittaM ha comprato il suo primo CD, e quel CD era Dangerous di Michael Jackson. Che ALittaM ha ascoltato ossessivamente per tutto il 1992.
Quindi alla luce di tutto questo lasciate che vi dica che la morte di Michael Jackson mi ha sconvolto e rattristato. Per me è davvero la fine di un'era.

2 commenti:

Piero. ha detto...

Thriller era ancora meglio secondo me e lui, lui, senti che devo dirti certe volte ho la sensazione che era solo un'invenzione. Bellissima, musicalissima e originale ma un'invenzione. E le invenzioni non muoiono. Ciao

ALittaM ha detto...

È vero, non era una persona reale, era come un alieno, un mito, una figura surreale. Ancora non riesco a credere che sia morto.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails