domenica 12 luglio 2009

Abbronzatissimi

Quando ALittaM va in spiaggia, applica alla lettera la "tecnica del sole". Ovvero:
  1. Piedi perpendicolari al sole, bisogna seguirne il percorso come i girasoli.
  2. Crema, crema e ancora crema, abbondante e con protezione media-alta, per poi andare a scendere.
  3. All'ombra nelle ore più calde.
  4. Rigirarsi ogni ora per avere un abbronzatura omogenea.
Risultato: ALittaM si abbronza bene e in fretta, ma ciononostante si abbronza una gamba più di un'altra, si brucia quel centimetro senza crema, ha il segno dell'ombrellone che le ha fatto ombra per 5 minuti, è un po' rossa e piena di lentiggini.

Stefano, invece, è uomo e terrone, quindi:
  1. Sta sempre sotto l'ombrellone a leggere La Gazzetta o un libro.
  2. Dorme per la metà del tempo.
  3. Mette al sole un piede sì e uno no.
  4. Gira il lettino dove gli pare.
  5. Crema solare? Cos'è?
Risultato: nell'arco di un giorno Ste diventa color marrone cuoio con riflessi dorati, perfettamente e in ogni minima parte del corpo.
Una vera e propria ingiustizia

4 commenti:

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Se può consolarti, sappi che io sono donna terrona (siciliana al 100%), ma sono bianchissimissima e per ottenere un'abbronzatura decente ci metto una vita!
Divento marroncina e mi sbiadisco in poco tempo.
Sigh...me tapina!

Antonella Napolitano ha detto...

Hai sposato un terrone.
Però lo sapevi prima, eh.
(ma lo ha detto il sacerdote "in abbronzatura e in sbiaditaggine"?)

Anonimo ha detto...

Ma perchè voi donne mitizzate così l'abbronzatura? Non capisco perchè.

ALittaM ha detto...

Jane, mi spiace... ricordati di mettere la protezione! :)
Anto, è verissimo, più passa il tempo e più me ne accorgo.
Anonimo, é la società maschilista e fallocratica che ci obbliga.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails