giovedì 24 giugno 2010

Så att själen kan få ro





La mia passione per lo svedese e la Svezia nasce da queste due canzoni.
La prima, "Byssan Lull" di Carola, l'ho scaricata per caso un pomeriggio in cui mi annoiavo. Ero una studentessa di legge perditempo con pochi esami al mio attivo. Qualche mese dopo ho deciso di mollare la giurisprudenza e fare quello che davvero volevo: studiare l'inglese. E come seconda lingua, quasi senza pensarci, ho scelto lo svedese.
La seconda canzone, invece, "Öppna landskap" di Ulf Lundell, ce l'ha fatta sentire Anna, la nostra insegnante di svedese, a lezione. E come un tarlo mi si è piantata nel cuore, tanto che anche ora a distanza di anni quando la sento mi emoziono, e non so neanche perché.

(sì, in questo periodo sono in vena di ricordi, e allora?)

5 commenti:

Simona ha detto...

Ogni tanto i ricordi devono affiorare sennò che ci stanno a fare? (e t'ho fatto pure la rima!)
Carissima, grazie della visita!
Un abbraccio!

Anonimo ha detto...

...che nostalgia...O.

Gischio ha detto...

Ehm... il titolo del post cosa significa?

ALittaM ha detto...

grazie Simona, il piacere è stato mio! baci

O: verooooo! :'(

Gischio: vuol dire "per dare pace alla mia anima" ed è una delle strofe della seconda canzone!

Pellegrina ha detto...

Sembra una canzone mediorientale! Che strana lingua, davvero.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails