martedì 18 ottobre 2011

Per mantenere la sanità mentale durante il puerperio

1) The Big Bang Theory
Me ne sono innamorata lentamente, mi ha colto alla sprovvista quando era troppo tardi. L'anno scorso P. mi diceva che era strepitoso, di guardarlo assolutamente (soprattutto visti i miei trascorsi da nerd e trekkie). Io non credevo sarebbe stato così divertente. E invece lo è. E la sigla è pure cantata dai Barenaked Ladies. Ahhh!

2) IPhone
Sembra una stupidaggine, ma quando hai una tetta e una mano occupata alle 2 di notte un IPhone è un dono del Signore. Mentre Lucia si nutre, io leggo i miei feed, leggo le mail, guardo Facebook, spulcio Wikipedia in cerca delle cose più strane (tipo la definizione di puerperio, appunto).

3) La merenda
Una donna che allatta può mangiare e porcheggiare e tutti dicono che ne ha il diritto. Molto di più che una donna incinta. Yeeee! Nella mia credenza albergano una confezione maxi di Abbracci, una di Ringo, una di biscotti all'Ovomaltina, un pacco di noci. Nel frigo tre bricchi di succo di frutta, latte, yogurt. Ogni scusa è buona per fare una (o più) merende. Ho letteralmente annegato il baby blues negli zuccheri e nei grassi.

4) L'aria aperta
Anche quando non ne hai voglia. Anche quando ti fanno male le gambe e i pantaloni sfregano sulla ferita del cesareo. Chissenefrega. Metti la pupa nella fascia, o nella carrozzina, ed esci. Soprattutto se la pupa sta sclerando (come capita a volte). Goditi il lungolago, il parco Ciani, ma anche la via dietro casa va bene se non vuoi allontanarti troppo. Semplicemente, esci dalle mura di casa e rimettiti in contatto col mondo. La cosa farà bene a te e a lei.

5) Una telefonata di lavoro
Dall'altra parte del telefono i miei colleghi iniziano sempre con "disturbo?", ma non si rendono conto di quanto sono contenta quando mi chiamano. Parlare di cose che non siano bambini, rimettere in moto il cervello, bastano cinque minuti di telefonata di lavoro per ricordarmi di tutte le cose che là fuori continuano ad accadere, e aspettano solo che io ritorni.

6) "Riposati che te la tengo io"
Anche solo per mezzora. Io intanto cazzeggio su internet, lavoro su qualcosa, faccio una doccia extra lunga con shampoo e balsamo districante, mi faccio una pennica, leggo un libro o una rivista, faccio una torta. Per qualche minuto sono tranquilla perché so che i suoi pianti saranno calmati da qualcun altro e se ha voglia di coccole c'è qualcun altro che se la prenderà in braccio. Io non mi sento in colpa perché so che l'avrò per il resto della giornata. Nel frattempo questa mezzora è tutta mia.

2 commenti:

Ali ha detto...

Quella dell' iPhone è proprio vera. Anche se ormai mi sono organizzata col boppy. Tetta sinistra? Computer a destra, sul divano. E viveversa.

Marta ha detto...

quanto mi ci rivedo qui... :)sono io in questi giorni!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails