martedì 11 ottobre 2011

Sempre io

Questo blog non si trasformerà in un mom blog soltanto perché ora ho una figlia.

Mi sto rendendo conto tuttavia che i mom blog non lo diventano per scelta, ma per necessità. Perché quando una donna, che prima divideva la propria giornata tra libri, film, musica, amici, cultura, lavoro, cronaca, ecc, dicevo quando una donna così si ritrova sola tutto il giorno con un figlio, alla fine della giornata ha pochi argomenti di cui parlare se non quello che ha vissuto quotidianamente: cacche, pannolini, tette, latte, pianti, ruttini e poco altro.

Quindi pazientate se, nonostante i miei propositi di non diventare un mom blog, questo blog tenderà nelle prossime settimane a diventare monotematico.

Vi basti sapere che nel mentre io provo una struggente mancanza per il mio lavoro, il mio ufficio sporco e puzzolente, i miei colleghi sporchi e puzzolenti anche loro (in particolare uno, quello con cui passavo la maggior parte del tempo). Uscire di casa la mattina presto e tornare la sera tardi. Andare a Milano per riunioni di lavoro infinite da cui uscivo esaltata e spaventata. Andare in trasferta un po' ovunque. Ascoltare la musica ad alto volume mentre si beve una birra e si parla delle prossime fiere da organizzare.

Mi consola il fatto che non sono cose che ho buttato via, ma solo cose che ho dovuto accantonare per un po'. Mi consolano piccoli grandi passi come imparare ad uscire da sola con la pupa, infilarla nella fascia e farla crollare addormentata dopo due minuti, portarla dal pediatra e vedere che nonostante tutto (notti insonni, capezzoli indolenziti, poppate ogni due ore) è grazie al mio latte che sta crescendo, e sta crescendo bene e in fretta.

Il che vuol dire che si avvicina il giorno in cui potrò sbolognarla per qualche ora alla nonna... e andare al cinema, andare a mangiare una pizza con Ste, o anche semplicemente tornare in ufficio per un po'.

PS: Grazie a O., F. e S., le mie mamme-amiche, che in questi giorni mi hanno aiutato con i loro messaggi, le chiamate, le chat e tutto quanto. Aiuta molto sapere di non essere sola. Aiuta davvero.

4 commenti:

Voppe ha detto...

Tutto ha un tempo. Goditi questo...

Anonimo ha detto...

Cara

con una mamma come te non ci annoieremo a sentir parlare solo di pappe, pannolini e poppate!

Hai detto bene: la donna che sei, gli interessi e le passioni che hai non svaniranno. Si aggiungeranno a quello nuovo e principale che hai adesso: la tua bellissima e dolcissima bambina.

Che si, cresce bene grazie all'amore che tu e Ste le date.

Quindi goditi il momento, anche se è faticoso: quando tornerai a lavoro ti mancherà lei!

Un bacione

Ele B.

Mary ha detto...

This is my first visit to your site. So, first I want to say congratulations on the birth of your first child. It is a very special time and I hope you will enjoy it. Don't worry about the content of your blog right now. Your readers obviously love you and will visit whenever you post. For what it is worth, I know that I'll be back. I hope you have a great day. Blessings...Mary

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Accipicchia cosa mi sono persa! O_o
Una si distrae un attimo e tu che fai? Mi partorisci tra capo e collo?

Tantissimi auguri a voi, ed un grande benvenuto alla piccola Lucia!

ps: condivido il commento di Voppe.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails