venerdì 18 febbraio 2011

Il mistero si risolve

Arriva un sms dal papà.
"Riceverai un pacco per me dall'oriente. baci"
Facilissimo fare due più due. ALittaM afferra il telefono.
"Ma per caso nel pacco ci dovrebbero essere dei pantaloni?"
(attimo di silenzio) "Sì. Come lo sai?"
"Come lo so? È da due settimane che sti pantaloni mi ballano per casa. Il pacco è arrivato senza lettera né indicazioni né niente. Mi hai fatto scervellare! Perché non mi hai avvisato prima?"
"Non credevo ci mettessero così poco tempo! Sono pantaloni che metto d'estate in barca, sono comodissimi, me li sono fatti spedire da un tizio in Tailandia."
Ma voi ve lo immaginate mio padre, l'arzillo avvocato sessantenne, che solca i mari del Mediterraneo con dei pantaloni da pescatore oversize?
Ma la domanda, che ancora ALittaM non ha osato fare al padre, è: per quale motivo questi benedetti pantaloni di cotone tailandesi color nocciola smorta te li sei fatti spedire a casa mia?

mercoledì 16 febbraio 2011

When Life Gives Me Lemons I Make Lemonade



Di questa bella canzone, che mi è entrata in testa come la prima ossessione musicale del 2011, devo ringraziare Frigopop e i suoi spettacolari nastroni da scaricare. Questa si trova nel "Nastrone per ballare", ma vi consiglio di scaricarveli tutti perché meritano.

PS: E guardacaso questa canzone è anche nella colonna sonora di uno dei film che mi sono piaciuti di più ultimamente, Easy A (che in Italia esce tra qualche settimana ma io ho, ehm, già visto)

domenica 13 febbraio 2011

Vita da single

C'è chi mi chiede che fine ha fatto il blog.

Beh, i motivi del mio temporaneo silenzio sono molteplici.

Innanzitutto al lavoro sono occupata freneticamente con la preparazione alla fiera più importante dell'anno (ricordate l'anno scorso?). Il che vuol dire, come immaginate, 11 ore al giorno di lavoro lavoro lavoro, che per fortuna mi piace così tanto da non farmi sentire la fatica ma mi fa anche passare la voglia, una volta tornata a casa, di riaccendere il computer e pensare alla mia vita digitale privata.

E poi c'è un'altra cosa: in questo periodo Ste passa molti giorni in viaggio per lavoro. Di solito tre-quattro sere a settimana. Il che vuol dire che la sottoscritta sta riscoprendo la vita da single in casa propria. Non è più una notte sporadica, sono interi giorni privi di controparte maschile. E la vita da single vuol dire che quando torni a casa tua alle 21 e sei stanca stravolta e hai tutta la serata per te, il blog finisce in fondo ai tuoi pensieri. E la scaletta della serata tipica della pseudo-single diventa questa

1) un bagno caldo mentre bolle l'acqua
2) un piatto di spaghetti con sugo-pronto all'arrabbiata da mangiare sul divano
3) un film di quelli che ti piacciono tanto e che per cortesia non obblighi Ste a rivedere
4) addormentarsi dopo dieci minuti di suddetto film
5) essere svegliata o dai titoli di coda del film o dalla telefonata della buonanotte di Ste
6) lavarsi i denti in stato di semi-catalessi e fiondarsi a letto nella camera-forno (sì, perché ancora l'amministratore non ha mandato l'idraulico, e qua il calorifero continua ad andare a palla ed è due mesi che qui si dorme in una sauna finlandese)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails