mercoledì 26 dicembre 2012

In tour

Questo Natale siamo in tour.


La settimana scorsa siamo stati a Crotone, patria della famiglia di Ste. Ci siamo riempiti la panza di cibo e gli occhi di spiaggia e mare, abbiamo incontrato parenti e amici. Come ogni volta, lo shock dell'arrivo in Calabria è stato forte, a partire dal clima fino ad arrivare all'accento, gli orari, i ritmi, i profumi. Siamo stati in case grandi e accoglienti, abbiamo giocato sul pavimento con altri bambini e abbiamo esplorato i lunghi corridoi con passo incerto ma curioso. Abbiamo guidato automobili noleggiate e abbiamo caricato e scaricato bambini, borse, zaini, sciarpe, cappelli e cappotti.

Sono seguiti due giorni a Milano per il Natale. Come sempre, Natale a Milano equivale a una ondata di gioioso caos, che ogni anno è sempre più intenso. Arriva la notte del 25 e riesci con difficoltà a renderti conto delle 36 ore che hai appena passato, tra Vigilia, pranzo e cena e merenda. Non ci siamo fatti mancare neanche il cinema, lasciando una Lucia satolla e stracotta alle cure della nonna.



E ora eccoci qua, di nuovo al mare, stavolta a Rapallo. Altri chilometri, altre borse, di nuovo la panza piena. Dopo una settimana circondati da persone, finalmente soli noi tre.

Lucia in tutto questo si lascia scarrozzare, sbaciucchiare, coccolare, vestire e svestire come se niente fosse. Dorme ogni notte in un letto diverso senza che la cosa le crei problemi. Assaggia cibi nuovi con risultati alterni, oppure decide, di fronte ai nostri bagordi, di fare quella moderata, accontentandosi di un pezzo di pane e una banana. Ama intensamente i giochi ricevuti a Natale (tutti pieni di lucine e suoni, una cosa che noi odiamo ma che ai parenti non sembra dare fastidio) ma non si dimentica l'affetto verso il buon vecchio libro di cartone vintage che le piace tanto. L'aria di mare e il cambiamento di ambiente le hanno fatto benissimo, rendendola ancora più chiaccherona e allegra del solito.

Io e Ste ci sentiamo come una famiglia di felicissimi nomadi, col bucato da fare e le valigie che strabordano di regali, e il pensiero della nostra vita di tutti i giorni come qualcosa di molto distante.

E voi come le state passando queste vacanze?





PS: Mentre noi eravamo in partenza per il tour, una nuova personcina è arrivata in questo mondo, giusto in tempo per festeggiare il Natale con mamma e papà. Benarrivata piccola Matilde!

1 commento:

Pellegrina ha detto...

La vostra fagottola decisamente promette bene! Buon anno.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails