mercoledì 16 gennaio 2013

Potpourri in pentola, per la casalinga che c'è in me

A volte mi sento davvero una Martha Stewart dei poveri: scopro questo genere di cose, mi esalto, e provo il desiderio di scriverle sul blog.
E sì che io sarei una donna di cultura e di mondo, l'anti-glamour per antonomasia, che ama viaggiare e odia stirare e mettere a posto, e si veste con le prime cose che trova in giro e in questo momento vi sta scrivendo in tuta e calzettoni. Poi bastano due scorzette di arancia e puf! Mi sento un angelo del focolare con collanina di perle e grembiule a fiorellini.

In ogni caso, quello che vi volevo dire è:

- Prendete due arance e fateci una spremuta, che vi fa tanto bene soprattutto in questo periodo.
- Non buttate le bucce!
- Mettete le bucce in un pentolino e copritele d'acqua.
- Mettete il pentolino sul fuoco e aggiungete un cucchiaino di chiodi di garofano e qualche goccia di essenza di vaniglia.
- Fate bollire a fuoco medio.
- La vostra casa inizia a profumare che è una meraviglia. Continuate a fare bollire per quanto ne avete voglia, il profumo diventa sempre più buono col tempo.

Su questa base potete sbizzarrirvi in base a quello che avete in casa. Limone? Cannella? Anice stellato? Alloro?

PS: Credevo di averlo scoperto io. E invece ho letteralmente scoperto l'acqua calda. Si chiama Simmering Potpourri (Potpourri bollito, in inglese ha un suono molto più romantico) e ha persino dei seguaci su Pinterest. Voi però, quando mi avrete copiato e la gente vi chiederà da dove avete preso l'idea, mi raccomando dite che l'avete presa da me!

3 commenti:

Pellegrina ha detto...

Scusa, ma non ho capito: poi si beve, si ingerisce o si lascia a disperdersi nell'ambiente?

ALittaM ha detto...

No no, non si beve! Si fa bollire per un po' e poi l'odore resta in casa per tanto tempo. Più tempo lo si fa bollire, più intenso sarà il profumo.

Pellegrina ha detto...

Ho delle belle arance bio profumatissime anche da crude ;-). Proverò.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails