martedì 20 agosto 2013

Casa è un frigo vuoto

Ciao a tutti e rieccoci a casa.
Macinati chilometri tra auto e aereo.
Negli scorsi giorni abbiamo visto mucche, cani, cavalli, tartarughe, mangiato di tutto e di più, dormito su un futon in una villa nei sobborghi di Marburg.

Il tour estivo della famiglia ALittaM è giunto al termine.
La Golf è tornata in garage, nel palazzo bianco di Lugano dove abitiamo.
La casa è lì dove la avevamo lasciata, con la casella piena di posta e bollette, l'aria di chiuso ma anche l'odore familiare dei nostri vestiti, il nostro divano, il nostro bagno.
ALittaM ha seriamente intenzione di mettersi a dieta e perdere quei dieci chili (mica poco, eh) che la infastidiscono.
Abbiamo un mare di bucato da fare.
Il frigo è praticamente vuoto, abitato da bottiglie di prosecco, barattoli di marmellata che implorano pietà e limoni un po' avvizziti.
Lucia sta facendo festa a ogni singolo giocattolo di casa, in particolare il pupazzo di Winnie Pooh che è stato salutato come un vecchio amico dato per disperso.
Ste sta facendo la festa al letto e al bagno, visto che (poverino) si è preso un virus allo stomaco il giorno prima di ritornare e ha fatto il viaggio di rientro in preda a febbre e nausea.
Ieri sera abbiamo cenato con pastina e ragù in scatola, e una pera sopravvissuta miracolosamente a quattro giorni in frigo da sola con quattro pomodori. ALittaM si sentiva la madre peggiore dell'anno: Lucia era contentissima.
Stamattina ALittaM ha acceso la radio e Rete Tre ha detto "LA meteo". E ALittaM si è commossa peché era a casa.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails