lunedì 3 novembre 2014

Il nostro weekend dei morti

Inizia lungo: giovedì sera ci si concede una pizza e un film. I Guardiani della Galassia. L'emozione di vedere un film di fantascienza che non si prende troppo sul serio, fa morire dalle risate e ha anche una colonna sonora meravigliosa. È già entrato nella mia wishlist per l'uscita in DVD.



Venerdì sera, Halloween. ALittaM e Ste in tenuta da "finalmente il weekend", ovvero tute e felpe e calzettoni, festeggiano l'ultima serata senza pupa nel più classico dei modi: spaghetti al ragù di pesce sul divano, birra ignorante e pasticcini. In TV Hotel Transylvania, quanto di più in tema si fosse riuscito a vedere (perché ALittaM aveva un elenco di film per Halloween che non finiva più, ma Ste glieli ha cassati tutti)
Alle 21.30 suona la porta di casa. Ci guardiamo negli occhi. E chi cavolo è? Da dietro la porta arriva una voce "Dolcetto o scherzetto?"

Ed ecco che, per la prima volta in vita nostra, arrivano i ragazzini di Halloween a suonare in casa! Momento di esaltazione e tripudio! Perché ALittaM in gioventù è stata una grandissima fan e promotrice di Halloween (da brava anglofila ha imparato tutto su questa tradizione, salvo poi farsi dire che in Italia non si faceva), e si è sempre scontrata con la gente che non aveva la minima idea di che cosa si stesse parlando, veterocattolici che le davano della pagana, nonché con una madre che di farla andare in giro per Milano vestita da strega una notte di fine Ottobre non aveva la minima intenzione.
In cinque secondi ALittaM svuota la dispensa e si presenta alla porta con una insalatiera strabordante di caramelle, leccalecca e, uhm, pacchetti di Pavesini, nonché con la promessa mentale di fare scorta di dolciumi per l'anno prossimo. Le piccole streghette e fantasmini arraffano quanto più possono e se ne vanno contenti.

Sabato, spedizione lampo a Milano per recuperare la pupa, mangiare una quantità indicibile di sushi ed edamame (ultima passione di Lucia, che potrebbe mangiarne una montagna e ogni volta esclama "mmm, delizioso questo edamame!), fare una mega spesa all'Esselunga e tornare a casa a recuperare una settimana di coccole. Messa a nanna la pupa, il cinema di casa trasmette un grande classico (e se vi devo dire che film è, non meritate la mia amicizia):



Domenica, in barba a tutti i programmi e le cose da fare, ALittaM è KO. Mal di testa, nausea, crampi allo stomaco, cervicale. Uno di quei giorni che iniziano male, peggiorano a metà e per fortuna verso il pomeriggio migliorano. Ste si fa passeggiate su passeggiate, Lucia è contenta perché ha passato due ore al parco giochi sotto casa, ALittaM nel picco del malessere ha trovato conforto in tre puntate consecutive di Downton Abbey (ennesima scimmia televisiva del momento) e poi si è fatta perdonare cucinando un ragù spettacolare, del quale sono state stivate notevoli quantità in freezer.

Lunedì mattina iniziamo col botto. Pioggia a scrosci, Lucia di pessimo umore che non vuole alzarsi, non vuole fare colazione, non vuole uscire di casa, non vuole togliersi gli stivali all'asilo. Il tutto condito dal trauma che la maestra è in malattia e c'è la supplente. Lacrime, pianti, urla, ALittaM che scappa come un ladro nella notte e cerca di ignorare il sordo pulsare della cervicale che torna a farsi viva.



Doppio caffè e buona settimana a tutti...

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails