martedì 19 maggio 2015

Quell'hippie sessista di Barbapapa

Oggi è il giorno in cui Barbapapà festeggia 45 anni.

Io ci sono cresciuta, con questi simpatici amici colorati e multiformi. Sfogliavo i loro libri ossessivamente tra i 4 e i 7 anni. Sono passati decenni, ma i Barbapapa sono tornati di moda, così tanto che ora anche Lucia è piena di loro libri, pupazzi e persino un paio di magliette.









Si sa, fai leva sul genitore perché acquisti oggetti amarcord per i propri figli.

Così mi ritrovo a rileggere i libri di Barbapapà con occhi da adulto... e "resto di stucco" di fronte al pensiero radical-ambientalista-hippie-antimoderno che lo ha generato. Premessa: negli anni 70 in cui sono stati scritti le cose erano diverse. Lo scopo era educare le nuove generazioni all'amore per la natura e a proteggere la terra. Ma se si guardano bene, i Barbapapà sembrano una versione per bambini di una comune di hippie.
Una comune hippie vagamente sessista.

I Barbapapà vorrebbero vivere in una vecchia villa abbandonata, occupata abusivamente e dipinta a colori vivaci, ma arriva il piano regolatore a costruire dei palazzi nuovi.
Offrono loro un appartamento, ma a loro vivere nel grattacielo non piace.
I Barbapapà detestano la città.
Allora costruiscono una villa fatta di Barbaplastica (wtf?) su una collina. E piantano il loro orto.
I Barbapapà probabilmente sono vegetariani perché mangiano solo frutta e verdura e uova.
Ma arrivano le ruspe a scacciarli anche da lì: si chiama abusivismo edilizio, Barbapapà.
Ma loro lanciano contro le ruspe delle palle di Barbaplastica incandescente (wtf?) che li fa andare via.



In altre storie:

I Barbapapà vanno a scacciare dal mare le brutte navi che inquinano.
Mi piace come negli anni '70 fosse ancora chiara la separazione tra i cattivi che inquinano e i buoni che sono ecologici.




I Barbapapà vanno a scacciare i cattivi cacciatori che vogliono fare una pelliccia di ogni animale sulla terra.



I Barbapapà si rompono le palle della terra inquinata, salgono su un razzo e vanno su un altro pianeta più verde e pulito insieme a tutti gli animali.
L'uomo si sente solo e triste senza gli animali, allora pulisce tutto e inventa l'energia pulita e i mezzi pubblici. Così Barbapapà e tutti gli animali tornano sulla Terra.
wtf? 

I Barbabapà ricevono per Natale degli animali esotici in regalo, ma li riportano nella loro terra madre perché gli animali devono stare liberi nel loro ambiente.

Ecco, i Barbapapà sono dei radicali ambientalisti figli dei fiori.
Gente moderna, insomma.

Però...
Però hanno chiaro il ruolo della donna nella famiglia.
Barbamamma cucina e pulisce e rassetta.
I figli maschi hanno la passione della scienza, la natura lo sport, l'arte.
Le figlie femmine? Beh, ovviamente... la bellezza, la danza, le collane, la musica, i libri.

Insomma, radicali e moderni ma mica troppo, signora mia. Che le donne in casa devono stare.

Detto questo, è impossibile non innamorarsi delle illustrazioni ricche di dettagli e dei bellissimi spaccati dell'interno di case e del terreno.


E voi a quale Barbapapà volevate assomigliare di più? Da brava secchiona, io puntavo a Barbottina... Lucia invece (inspiegabilmente, visto il grado zero di profumi e cotillion a cui viene sottoposta) punta a Barbabella!

1 commento:

Pellegrina ha detto...

I B. che da piccola piacevano parecchio anche a me, sono inseriti nel programma editoriale di una importante casa editrice francese cattolica di libri per bambini. La famiglia quindi è quella lì. Adattata ai tempi che corrono (correvano...). Ribelli ma non troppo.

Comunque ti fanno immaginare che le cose possono andare realisticamente in modo diverso, e questo è sempre positivo per un bambino e non solo, secondo me.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails